News

News
30 Aprile 2015

L'ufficio regionale della TWAS si trasferisce in Sud Africa

Grazie a una nuova partnership con l'Accademia delle scienze del Sud Africa l'ufficio regionale della TWAS per l'Africa sub-sahariana, TWAS-ROSSA, intende consolidare il proprio ruolo di hub per la scienza e la tecnologia in tutta l'Africa sub-sahariana.

La sede dell'ufficio regionale TWAS-ROSSA si sposta in Sud Africa, in virtù di una decisione presa per rinforzare la presenza della TWAS in queste regioni e per promuoverne la mission istituzionale nell'intero continente. Il quartier generale della TWAS-ROSSA sarà ospitato dall'Accademia delle scienze del Sud Africa (Assaf), a Pretoria.

"Il Sud Africa possiede una solida tradizione di ricerca e prestigiosi istituti accademici, oltre a una gran capacità di esercitare leadership politica in ambito scientifico. Perciò crediamo che la nuova collocazione possa rappresentare una sede eccellente per l'ufficio regionale locale, capace di orientarne la transizione fino a farlo diventare un vero e proprio centro di ricerca", ha detto Romain Murenzi, direttore esecutivo della TWAS.

"L'Assaf è onorata di essere stata scelta come sede per l'ufficio regionale della TWAS", ha aggiunto Roseanne Diab, accademica della TWAS, direttrice esecutiva e coordinatrice dell'ufficio. "Mettiamo a disposizione le nostre risorse per concorrere a far progredire gli obiettivi della TWAS. Ospitare l'ufficio regionale ci dà l'opportunità di consolidare i reciproci interessi nel settore della promozione di giovani scienziati, e concorre a creare opportunità affinché questi giovani talenti possano acquisire un ruolo maggiore nella comunità scientifica".

TWAS-ROSSA è uno dei cinque uffici regionali della TWAS. Gli uffici sono dislocati in cinque regioni diverse della Terra, in Paesi in via di sviluppo. In precedenza, gli uffici di TWAS-ROSSA si trovavano presso l'African Academy of Sciences di Nairobi, in Kenia. Il Consiglio della TWAS ha però approvato lo spostamento di sede lo scorso 27 gennaio, e la nuova destinazione è divenuta effettiva a partire dal 5 marzo 2015.

Come ha precisato Murenzi, l'ufficio TWAS-ROSSA era l'unico dei cinque uffici regionali a non essere collegato direttamente a un governo nazionale. Il Consiglio della TWAS ambiva però a stabilire una simile relazione per favorire l'evoluzione della struttura a centro scientifico regionale, e ha trovato questo genere di sostegno e disponibilità proprio nel Sud Africa. "Nessun altro paese in Africa ha manifestato lo stesso interesse e impegno nei confronti della TWAS", ha detto Murenzi.

Nel 2009, il Congresso generale della TWAS si era tenuto a Durban, Sud Africa. E negli anni 2010, 2012, 2013 e 2014 il Sud Africa aveva inviato un suo ministro della scienza o un altro rappresentante politico affinché partecipasse all'evento. Il Ministro della scienza e della tecnologia del Sud Africa ha accettato di supportare il lavoro della TWAS offrendo all'Accademia 70 borse di dottorato (PhD) e 10 borse di post-dottorato. 

L'Assaf ospita anche una sezione nazionale dell'Organizzazione per le donne scienziato dei paesi in via di sviluppo (OWSD), un organismo internazionale il cui segretariato si trova a Trieste, presso il quartier generale della TWAS.

Come riferisce Stanley Maphosa, responsabile dei rapporti internazionali dell'Assaf, l'ufficio della TWAS-ROSSA sta già organizzando una conferenza di giovani scienziati che avrà come tema il consolidamento della figura femminile nella scienza, e che si terrà a Pretoria il prossimo settembre. È negli intenti degli organizzatori riuscire a realizzare ogni anno un certo numero di eventi di questo genere, e di ospitarli a rotazione in paesi diversi in tutta l'Africa sub-sahariana. Fra i compiti dell'ufficio vi è anche la selezione dei nuovi giovani affiliati della TWAS, dei vincitori del Premio regionale TWAS e la selezione di giovani scienziati che partecipino al forum annuale Biovision.NXT, in Francia.

L'Assaf intende anche assumere un esperto webmaster per ristrutturare il sito web dell'ufficio, e renderlo di più facile utilizzo per coloro che fossero interessati alle attività della sezione e agli annunci, ha detto ancora Maphosa. "Vogliamo offrire un sito web che sia interessante e interattivo", ha spiegato Maphosa "che la gente consulti con piacere. Vogliamo anche incrementare la nostra presenza sui social media".

Sean Treacy

This website does not use profiling cookies, but only first and third party technical cookies, including cookies from social media plugins.
To learn more about our cookie policy or to change your cookie settings, click here.
By using this website and clicking “accept”, you consent to the use of cookies in accordance with our cookie policy.
Accept